News

Proroghe delle scadenze di revisione, patente e bollo per il Covid

COVID E SCADENZE – La pandemia ha sconvolto le abitudini di tutti e non ha quindi risparmiato automobilisti, autisti e persino chi sta studiando per prendere la patente. Per alleviare le difficoltà e limitare le occasioni di contagio il Governo ha quindi predisposto delle proroghe alle scadenze. L’iniziativa ha intenti lodevoli, ma ha anche generato qualche dubbio e quindi cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

CAMBIAMENTI IN VISTA – Partiamo dalle patenti e dai fogli rosa che sono scaduti o sono in scadenza in questo periodo di pandemia. Come avevamo visto qui, la validità di questi documenti, con scadenza tra il 31 gennaio e il 28 ottobre 2020, era stata prorogata al 13 gennaio 2021. Un nuovo provvedimento li ha prorogati fino al 30 aprile 2021 con il seguente meccanismo.

PROVE PRATICHE PER LA PATENTE – Il passaggio dalla fascia rossa a quella arancione consente alle scuola guida di tornare alla loro normale attività e questo avverrà da lunedì 30 novembre. La Motorizzazione civile della Lombardia e del Piemonte ha infatti comunicato la ripresa degli esami pratici mentre si attendono ancora notizie dalla Calabria. Per il rinnovo di patenti e fogli rosa scaduti durante l’emergenza il termine è spostato al 30 aprile 2021, che è la data di scadenza dell’emergenza Covid-19. Si è anche instaurato un meccanismo di proroga automatico: il viceministro Giancarlo Cancelleri ha infatti spiegato che “il rinvio riguarda tutti gli atti amministrativi in scadenza o scaduti a partire dal 31 gennaio 2020. D’ora in avanti, nel caso si dovesse malauguratamente prolungare l’emergenza Coronavirus e dovesse essere emanato un nuovo Dpcm, verrà allungata automaticamente anche la scadenza dei certificati”. In questo modo si evitano le continue ordinanze che “inseguivano” i prolungamenti della fase di emergenza scaturiti dai vari Dpcm. Notiamo che questa ulteriore proroga è valida per circolare in Italia mentre negli altri paesi UE resta in vigore l’estensione di 7 mesi dalla data di scadenza, purché sia compresa tra il 1° febbraio e il 31 agosto 2020. Ricordiamo che il provvedimento che prolunga la validità dei documenti al 30 aprile 2021 entrerà in vigore nei prossimi giorni, non appena verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

REVISIONI – Per le revisioni resta in vigore il DL Semplificazioni di settembre e quindi i veicoli con revisioni in scadenza prima di febbraio 2020 potevano circolare (solo in Italia) fino al fino al 31 ottobre 2020. Se la revisione scadeva nel mese di febbraio si poteva circolare fino al 31 ottobre in Italia e fino al 30 settembre nei Paesi UE. I veicoli con revisione scaduta fra marzo e agosto vedono una proroga di 7 mesi dopo la scadenza in Italia e nei Paesi UE. Per la sola Italia ci sono altre proroghe: la revisione in scadenza a settembre si può rinnovare fino al 31 dicembre 2020 mentre quelle scadute a ottobre e novembre e quelle che scadranno a dicembre saranno prorogate fino al 28 febbraio 2021.

BOLLO AUTO – In questo caso, dato che l’imposta è regionale, eventuali proroghe delle scadenze sono fissate regione per regione: una visita ai rispettivi siti istituzionali o agli uffici permetterà di saperne di più. È utile sapere che il DL di ottobre ha fissato al 31 dicembre 2020 il termine della sospensione della riscossione di questa tassa.

Per convalidare o duplicare la tua patente, in sede è presente tutti i giorni un medico legale per le visite di idoneità. Di seguito gli orari in cui troverete il nostro medico:

Nella sede di C.so Moncalieri 215
Martedì ore 11.00 e 18.00
Giovedì ore 19.00
Venerdì ore 11.00

Nella sede di Piazza De Amicis 125
Lunedì ore 17.30
Martedì ore 11.30 e 17.30
Mercoledì ore 18.00
Giovedì ore 18.00
Venerdì ore 11.30
Sabato ore 10.00

Una legge per limitare l’uso dell’auto a chi è stato condannato per guida in stato di ebbrezza

 

Una proposta di legge per introdurre limitazioni all’utilizzo dei veicoli a motore da parte di soggetti già condannati per il reato di guida in stato di ebbrezza che prevedono l’installazione, sul mezzo usato, di un dispositivo, l’alcol-lock, che impedisca la messa in moto qualora si rilevi un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge consentiti. E’ quanto prevede un disegno di legge del Cnel, approvato dall’Assemblea nell’ultima seduta prima della pausa estiva e già annunciato nelle Aule di Senato e Camera.
Lo scopo della proposta, nata nella Consulta Nazionale, che non comporta oneri aggiuntivi per le casse dello Stato dal momento che installazione e manutenzione del dispositivo sono a carico del soggetto sanzionato, è quello di prevedere che, chi viola la disposizione, sia oggetto di una specifica prescrizione per la guida che andrebbe resa esplicita sulla patente come previsto dalla vigente normativa europea.
“L’alcol-lock è un efficace strumento di prevenzione dell’incidentalità stradale alcol-correlata già sperimentato positivamente in altri Paesi tra cui Belgio, Francia, Danimarca e Polonia – dice Gian Paolo Gualaccini, coordinatore della Consulta Nazionale per la Sicurezza Stradale e la Mobilità Sostenibile del Cnel – Negli ultimi anni secondo l’Istat si è registrato un aumento dei casi per la guida sotto l’effetto di alcol, passati da 1,2 ogni 100 incidenti nel 2001 a 3,9 nel 2018. In crescita, anche nel 2019, le sanzioni per guida in stato di ebbrezza. Approvando questo disegno di legge, l’Italia si metterebbe al passo degli altri Stati europei”.

 

Corso di Guida Sicura

Cari ragazzi e ragazze, vogliamo comunicarvi che siamo tornati con i corsi al centro guida sicura ACI d Arese.
Manda una e-mail a info@aciclub.com per conoscere date e disponibilità
La partecipazione all’evento è totalmente gratuita.
Prova anche tu l’emozione di guida nei Centri di Arese.
Vi aspettiamo!!!